Inserisci la tua parola chiave

Comportamento alimentare

Raggiungere e mantenere il peso salutare

La ricerca scientifica ha dimostrato che chi è in grado di raggiungere e mantenere un peso salutare ha le seguenti caratteristiche:

  • CONTROLLA, SENZA ESSERNE OSSESSIONATO, IL PROPRIO PESO CORPOREO SETTIMANALMENTE
  • SVOLGE UN’ADEGUATA E REGOLARE ATTIVITÀ FISICA (STILE DI VITA ATTIVO)
  • SI ALIMENTA CON MOLTE VERDURE E FIBRE MANTENENDO BASSI GRASSI E ZUCCHERI

Purtroppo non tutti riescono autonomamente a “rimettersi in carreggiata”. Talvolta il peso da raggiungere è così lontano da quello attuale che può crearsi un pericoloso circolo vizioso, che nel peggiore dei casi porta a un Disturbo del Comportamento Alimentare.

Il nostro protocollo di perdita e di mantenimento del peso in soggetti in sovrappeso, non affetti da un Disturbo del Comportamento Alimentare, è indirizzato proprio a coloro che intendono bloccare l’aumento di peso e riportare a essere un piacere il rapporto con il cibo e con il corpo.

Il protocollo di gestione individuale del peso corporeo, applicato dalla nostra équipe multidisciplinare composta da psicologo, medico nutrizionista e biologo nutrizionista, verte sulle più avanzate tecniche di controllo degli stimoli, di “coping enhancement” e di problem solving. Si tratta di procedure specifiche, focalizzate in questo caso su corpo, peso e stile di vita, che facilitano il cambiamento di scorrette abitudini alimentari e “attivano” lo stile di vita nel rispetto dell’ autonomia e delle esigenze specifiche di ogni individuo.

RIABILITAZIONE COMPORTAMENTALE NEL SOVRAPPESO E NELL’OBESITÀ

Il Body Image Revealer, il cui funzionamento viene spiegato nel dettaglio in questo sito, è utilizzato insieme ad altre tecniche motivazionali per incrementare uno stile di vita attivo e favorire un corretto stile nutrizionale.

La foto sottostante ritrae un soggetto a inizio trattamento (a sinistra) e una simulazione del proprio “corpo desiderato” (a destra). Ciò è di importante ausilio nello stabilire un peso salutare e nel valutare la presenza o meno di un disturbo del comportamento alimentare.