Inserisci la tua parola chiave

Nuova pubblicazione scientifica Emotifood

Nuova pubblicazione scientifica Emotifood

Nuova pubblicazione scientifica Emotifood

Vi comunico l’uscita di un nuovo articolo scientifico, l’ultimo mentre ero in INCO (Istituto Nazionale di Chirurgia dell’Obesità) di cui sono coautore su rivista internazionale. La pubblicazione è apparsa su “Experimental Brain Research” e in estrema sintesi abbiamo scoperto, utilizzando il mio Body Image Revealer, che, se a ragazze affette da anoressia nervosa vengono mostrate immagini di corpi sovrappeso/obesi, vi è un significativo incremento della preoccupazione verso la dieta, del desiderio di magrezza e della errata percezione del proprio corpo. Sembra quindi che vedere corpi “morbidi”, possa ulteriormente aumentare l’errata percezione del proprio corpo. In sostanza, le ragazze affette da anoressia nervosa si percepiscono “piu’ grasse” e si desiderano più magre/emaciate.

Questo apre molte implicazioni anche terapeutiche che sto per pubblicare anche sul prossimo libro che segue, il fortunato “Specchi: viaggio all’interno dell’immagine corporea” .

articolo emanuel mian body image revealer
La ricerca è avvenuta da una collaborazione con l’ Università di Bradford (UK), la  casa di cura “Villa Margherita” di Arcugnano (VI) e l’Università di Udine e ovviamente il Centro Ricerche Emotifood di Monza. Il titolo dell’articolo è “The effects of body exposure on self-body image and esthetic appreciation in anorexia nervosa”.
Questa e’ la seconda pubblicazione scientifica di cui sono coautore  in ambito internazionale su rivista peer-reviewed dell’INCO (Istituto Nazionale di Chirurgia dell’Obesità), la precedente era quella relativa all’area del cervello deputata a “come penso che gli altri mi vedano” (link su pubmed).
Presto vi informerò’ riguardo altre ricerche che sto per iniziare agli Istituti Clinici Zucchi, sempre nel “Gruppo San Donato” sui temi dell’immagine corporea nell’obesità ed il comportamento alimentare con le nuove tecniche EndoBarrier e Overstitch.
Emanuel Mian

Related Posts